LUM

La Libera Università Metropolitana nasce nel 2005 nell’atelier occupato ESC di Roma. La LUM è un esperimento di autoformazione e di conflitto costituente, dentro e contro le trasformazioni dell’università, trasversale ai luoghi di produzione del sapere nella metropoli. Le derive aziendalistiche e individualizzanti dell’università riformata dal Bologna Process hanno fatto dell’educazione universitaria un luogo ostile ai saperi altamente trasversali e non specifici. Il sistema del debito studentesco e i costanti tagli alla formazione hanno reso le scienze sociali uno scomodo contenitore di corpi superflui, inadatti all’esigenze del mercato neoliberale ed eccessivamente critici alle politiche educative dell’ultimo decennio. La LUM prova ad abitare questa trasformazione, aprendo nuovi scenari e originali campi di battaglia nella produzione di sapere, interrogando le sue procedure e le pratiche formative, inflazionando la misura che gli viene imposta e sperimentando inediti attraversamenti delle rigide gerarchie accademiche. La LUM è un esperimento fondato sulla libera e autonoma produzione di saperi oltre i confini tra università e metropoli. Un laboratorio fatto da studenti, dottorandi, ricercatori, lavoratori del mondo della cultura e dell’arte, docenti universitari. Un luogo dove ridare forza al carattere infunzionale, critico e sperimentale della conoscenza e delle sue forme di produzione. Un prototipo di organizzazione del lavoro cognitivo stesso. Un dispositivo che insiste sulla condivisione, piuttosto che sulla mera trasmissione delle conoscenze, nel tentativo costante di costruire un lessico comune e conflittuale. Il progetto della LUM vuole creare saperi e mettere in comune il pensiero. I seminari, le letture in comune e le ricerche sono frutto dell’incontro di linguaggi differenti e accentuano il carattere sempre ibrido, non-disciplinare dei saperi come pratica di rottura dei confini epistemici. La configurazione di una ricerca di frontiera assume la propria inadeguatezza nell’Europa da provincializzare, guardando a continue connessioni con esperienze affini per poter tracciare una nuova cartografia del sapere vivo. La LUM è un esperimento di istituzione del comune dove saperi non-disciplinari e ricerca non accademica provano a recuperare il piacere sensuale della prassi conoscitiva.
Libera Università Metropolitana
The Libera Università Metropolitana (Free Metropolitan University), founded in 2005 in the “Atelier occupato ESC” in Rome, is an experiment in self-education and constituent conflict, within and against the transformations of the university. It crosses places of production of knowledge, and it is based on the free and independent production of knowledge beyond the boundaries between the university and the metropolis. A workshop composed of students, doctoral candidates, researchers, workers in the world of culture and art, college professors.
A place in which to again grant force to the non-functional, critical and experimental character of knowledge and its forms of production. A prototype of organization of cognitive work itself. A device that focuses on the sharing rather than the mere transmission of knowledge, in a constant attempt to build a common and conflictual vocabulary. The LUM project sets out to create knowledge and to share thought. The seminars, the readings-in-common and the research projects are the results of the encounter between different languages and accentuate the always hybrid, non-disciplinary character of knowledges as a practice of breakdown of epistemic boundaries. The configuration of groundbreaking research confronts its own inadequacy in an Europe that must be provincialized, looking for ongoing connections with related experiences to be able to produce a new map of living knowledge.
www.lumproject.org