2007 – Lessico marxiano 12 concetti per pensare il presente

Lessico Marx fronte smallOgni volta che un lavoro culturale trova riparo tra le mura, spesso un pò fatiscenti, di un centro sociale, accade l’apertura di una sorta di zona di sperimentazione: si mettono in discussione le modalità tradizionali di trasmissione del sapere, la “ricezione” si scrolla di dosso tutta la passività a cui scuola e università  addestrano, e comincia un processo attraverso il quale le parole spese, profuse e scambiate possono diventare strumenti di azione politica. Passando nei tunnel sotterranei della riappropriazione critica che le soggettività esercitano, ravvivano quindi la capacità di aggredire lo stato di cose esistenti.
Da qui l’esigenza di rileggere Marx contro la miseria del marxismo e la vulgata accademica, che ci propongono puntualmente un teorico determinista o utopista, precursore del socialismo reale o addirittura inconsapevole profeta del pensiero liberal, come la recente biografia di Attali sostiene.
Un lavoro culturale su Marx, attraverso un lessico che ne ripercorre alcuni dei concetti-chiave, partecipa dell’apertura di una zona di sperimentazione a un grado particolarmente elevato, e questo proprio perchè tutta l’opera del barbone di Treviri si posiziona sul crinale fra teoria e prassi politica, dentro il campo di tensione nel quale le conquiste del sapere divengono forza materiale di trasformazione della società , all’insegna partigiana dell’ultima tesi su Feuerbach, secondo la quale i filosofi hanno interpretato il mondo a sufficienza, e si tratta, oggi come allora, di trasformarlo.
Marx, e questo ce l’ha ricordato Derrida, è oggi il fantasma che si aggira nell’impero. Fukuyama e il tentativo di chiudere la storia entro i confini dello sviluppo del capitale e seppellirla sotto le macerie del muro di Berlino, hanno provato a uccidere un fantasma, che vive però ancora: lo abbiamo visto nel recente ciclo di lotta che è passato da Seattle a Genova, lo abbiamo visto nelle lotte dei contadini indiani, nel Messico zapatista, nelle nuove lotte operaie in Cina, nelle Mayday dei precari. Nell’impero scava ancora la vecchia talpa marxiana.
Ciò che non sarà questa serie di voci marxiane è il tentativo di rapportarsi a una tradizione in quanto tale, con tutto il carico di dogmatismo che l’operazione comporta. In altri termini, non si tratta di ristabilire il canone dell’ortodossia, né di scoprire il “vero” Marx nei labirinti vertiginosi dei marxismi che gli sono succeduti. Del resto, lo stesso Marx aveva saggiamente premesso di non aver nulla a che spartire con i marxisti. A un altro tipo di operazione esprimiamo estraneità  e inimicizia: quella che mira alla separazione del Marx scienziato della società da quella del Marx agitatore e organizzatore politico. Questo tipo di operazione è avvenuta sotto l’egida della rilettura kantiana, per prima esercitata da Bernstein, oppure sotto la lente weberiana, e molte altre ancora: si è sempre trattato di un’operazione di esorcismo del carattere spettrale del pensiero marxiano, la normalizzazione del suo segno sovversivo, nascosta dall’esigenza formale di trovare una descrizione oggettiva della società capitalista sfrondata dall’interesse rivoluzionario.
Né poi ci interessa il Marx dell’accademia, quello della minuziosa ricostruzione filologica delle tappe e della formazione del suo pensiero. A parte alcune eccezioni, come Rosdolsky, Althusser e Dussel, che costruiscono i ponti tra l’esercizio filologico e l’utilizzo politico della rilettura di Marx, troppe volte si è trattato di imbalsamare Marx in una mummia dell’erudizione senza parzialità, o dell’ideologia senza attualità.
Pensiamo invece che l’incursione nell’opera marxiana attraverso l’occasione di alcune voci, affidate all’approfondimento di altrettanti studiosi, la cui conoscenza della materia è nota e affidabile, può prestarsi all’apertura di quella zona di sperimentazione cui accennavamo all’inizio. Una zona che è possibile attraversare in molteplici modi: da chi desidera un momento di riavvicinamento a un pensatore così importante, a chi vuole inoltrarsi sul sentiero dell’adeguamento ai tempi del pensiero di Marx, e scoprire cosa succede nel passaggio di fase dalla grande industria al general intellect. Oppure a chi vuole uno stimolo alla propria curiosità , o ancora un’occasione per iniziare a frequentare per davvero il pensatore più citato e meno letto al mondo.
Quello che vogliamo incontrare nel lessico, dunque, è un Marx riletto dall’operaismo e dalla critica femminista, irriducibilmente di parte e continuamente piegato all’azione politica, che ci parla dell’attualità in modo diretto e non attraverso il ventriloquio dell’ortodossia. Così, attraverso qualcosa che assomiglia a delle voci di enciclopedia del comunismo, ma che dell’enciclopedia non vuole condividere il carattere di codificazione e canonizzazione del sapere, si vuole intraprendere un percorso di formazione, per avvicinare i più giovani all’opera di Marx, di approfondimento delle tematiche, e di attualizzazione delle categorie marxiane alla luce delle recenti trasformazioni del vivere e del lavorare.
Il seminario promosso dalla LUM è composto da 12 relazioni che metteranno a tema altrettanti concetti, parole-chiave della produzione teorica marxiana. Ogni relazione sarà preceduta da una breve introduzione e dalla distrubizione di materiali curati dagli stessi relatori.
il programma:
Forza lavoro – Paolo Virno
Storia – Augusto Illuminati
Lavoro produttivo e improduttivo – Antonio Negri
Accumulazione originaria – Sandro Mezzadra
Diritto – Michele Surdi
Classe – Mario Tronti
Cooperazione – Marco Bascetta
Astrazione determinata – Paolo Vinci
Socialismo del Capitale – Christian Marazzi
Democrazia – Stefano Petrucciani
Produzione/Riproduzione – Alisa Del Re
Legge del valore – Carlo Vercellone

 

Lessico Marx retro small

One Response

  1. Ruksis780
    Ruksis780 22 maggio 2016 at 4:00 pm ·

    ruksis 102

    ruksis 103

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.